29.10.2010 - ore 10.06
Ogni italiano butta 27 kg di cibo buono all’anno: 10 regole per ridurre lo spreco

CiboLa pattumiera degli italiani trabocca di ogni ben di Dio. Ogni anno ben 27 chili di cibo ancora consumabile finiscono nei sacchi della spazzatura, uno spreco quantificabile nella somma di circa 585 euro a famiglia. I dati sono resi noti dall’ADOC (Associazione Difesa Consumatori) secondo cui nelle discariche finiscono quotidianamente 4 mila tonnellate di alimenti freschi. Lo spreco più importante riguarda i prodotti con scadenze ravvicinati, in particolare latte, uova, formaggi e yogurt (39%); seguono pane e pasta (15%), carne (18%), frutta e verdura (12%). Senza contare che questi dati non tengono conto dello spreco delle grandi mense aziendali, ospedaliere e scolastiche, dei grandi alberghi o dei villaggi turistici. L’Andid (Associazione Nazionale Dietisti) è partita da questi dati per lanciare un appello alla riduzione degli sprechi, suggerendo alcune regole utili per salvare cibo e denaro e al tempo stesso per seguire una dieta sana. L’alimentazione, anzitutto, deve essere varia e bilanciata. E’ bene poi non farsi prendere da slanci consumistici al momento della spesa, ma limitarsi all’acquisto di ciò che serve davvero. Sono da preferire cibi di origine vegetale, di stagione e prodotti localmente, cibi freschi e minimamente processati, a filiera corta o direttamente dal produttore. L’acqua del rubinetto è meglio di quella confezionata. E per ridurre l’impatto ambientale si scelgano prodotti con minori quantità di imballaggio, o con imballaggio in materiale riciclato munito di eco etichettatura, e certificati a basso impatto ambientale. Non lasciarsi ingannare dalle campagne di marketing che invitano ad acquistare sottocosto cibi in quantità superiore a quelle che poi verranno effettivamente consumate. Finiranno regolarmente nella pattumiera. Meglio poi fare la spesa seguendo minuziosamente la lista degli acquisti preparata a casa. E’ buona norma riprendere le ricette della nonna per recuperare gli avanzi della tavola e farne nuovi gustosi piatti. Fare attenzione alla preparazione, conservazione dei cibi e al loro adeguato smaltimento. “Di fronte a questi dati vogliamo lanciare un messaggio forte – spiega Giovanna Cecchetto, presidente ANDID, l’Associazione nazionale dietisti – invitando gli italiani a considerare il non sprecar’ come una regola etic’, di principio, a non sciupare cose tangibili, come il cibo, e beni più immateriali, come il tempo e la salute, ma bensì ad imparare ad acquisire un atteggiamento di cura verso il cibo stesso e il suo acquisto”.



Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici e clicca su mi piace.

Potrebbe interessarti anche:

Sicurezza dei cibi, Oms: ecco le 5 regole d’oro contro le malattie alimentari

Sono stimabili in diversi milioni le persone che ogni giorno si ammalano per malattie di origine alimentare...

Alimentazione, abbuffarsi per stress: lo fa 1 italiano su 3

Affamati dallo stress. Un italiano su tre ha un rapporto non equilibrato con il cibo, insomma mangia...

Sequestrate 43 tonnellate di cibo cinese fuorilegge

Rischiavano di arrivare sulle nostre tavole con potenziale danno per la salute dei consumatori, le 43...

Lo spreco di cibo nel rapporto FAO

In tempo di crisi anche le briciole fanno numero e il rapporto Fao punta il dito contro gli sprechi...

Thumblated Related Post

Commenti

  1. Pingback: Ogni italiano butta 27 kg di cibo buono all’anno: 10 regole per ridurre lo spreco | www.baffostanco.it

Scrivi un commento:

| Sei un nuovo utente? Registrati per lasciare un commento

Il network di

logo Federanziani
logo Figli e Famiglia il Giornale del web logo FamilyTV
Compendio SIC

Il Compendio SIC è realizzato in collaborazione con:

logo Università Cattolica logo Federfarma logo CEIS logo Farmindustria logo fimmg logo unime logo Luiss